La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Nella penisola araba libertà di culto ma non libertà di religione

La Conferenza episcopale cattolica romana tedesca ha presentato uno strumento di lavoro che fornisce un'analisi della situazione dei cristiani nella penisola araba

in  cristianesimo , Medio Oriente

Nella penisola araba libertà di culto ma non libertà di religione

(ve/apd) “Occorre distinguere tra gli Stati del Golfo e l'Arabia Saudita”, afferma l'arcivescovo Ludwig Schick, presidente della commissione Chiesa mondiale della Conferenza episcopale tedesca che ha presentato a Berlino un ampio documento sulla situazione dei cristiani nella penisola araba. Negli Stati del Golfo i cristiani possono vivere la loro fede in modo relativamente libero: “Vi è libertà di culto, ma non di religione. Nella penisola araba - precisa Schick - la propaganda attiva del cristianesimo e la conversione di musulmani sono vietate e vengono perseguite penalmente".
Difficili, secondo l'arcivescovo, le condizioni di vita dei cristiani in Arabia Saudita. Nella monarchia può essere praticato soltanto l'islam, preferibilmente nella sua rigorosa espressione wahabita. “Già il possesso di oggetti di culto è proibito”. Per un numero di cristiani stimato intorno al milione e mezzo, in Arabia Saudita non c'è una singola chiesa e i credenti sono costretti a incontrarsi clandestinamente in case private e alberghi.

Nella penisola araba libertà di culto ma non libertà di religione

Chiese cristiane costituite da lavoratori immigrati
Negli Stati del Golfo si è sviluppata nei decenni scorsi una vivace chiesa di immigrati. Le stime parlano di una presenza cristiana che arriva al 4% della popolazione in Oman, al 9% nel Qatar e negli Emirati Arabi Uniti, al 12% in Kuwait e al 15% nel Bahrein. La maggioranza dei cristiani appartiene alla Chiesa cattolica romana. Le chiese cristiane nella penisola araba sono costituite quasi esclusivamente da lavoratori immigrati provenienti in maggioranza dall'India e dalle Filippine. Alla composizione delle chiese locali contribuiscono inoltre africani, cristiani dai vari paesi arabi e un esiguo numero di europei e americani.

L'integrazione dell'islam in Svizzera (video Segni dei Tempi RSI La1)

Patria a tempo determinato
I cristiani sono consapevoli che per loro la penisola araba è soltanto una “patria a tempo determinato” che dovranno di nuovo lasciare alla scadenza del contratto di lavoro. Come tutti gli immigrati, afferma Ludwig Schick, anche i cristiani vivono in una sorta di società parallela che coesiste accanto alle società indigene e che consente ben pochi contatti con i nativi.
“Secondo le stime i cristiani stranieri nella penisola araba dovrebbero essere attualmente circa tre milioni. Non ci sono praticamente cristiani locali”, sostiene il vicario apostolico dell'Arabia meridionale (Emirati Arabi Uniti, Oman, Yemen), il vescovo Paul Hinder. L'atteggiamento dello Stato nei confronti dei cristiani varia da paese a paese. “Il Bahrein, gli Emirati Arabi Uniti e il sultanato dell'Oman sono abbastanza tolleranti. Negli Emirati Arabi Uniti esistono otto parrocchie cattoliche. Ogni fine settimana a Dubai 50.000 credenti prendono parte alla celebrazione della messa", sottolinea il vescovo Hinder.

I cristiani vivono in una sorta di società parallela

La polizia religiosa impedisce i culti in Arabia Saudita
Il direttore dell'Istituto di missiologia Missio di Aquisgrana, il professor Harald Suermann, precisa che secondo il Corano i cristiani sono una minoranza protetta e hanno il diritto di vivere la propria fede e di avere i propri luoghi di culto. Tuttavia in Arabia Saudita questa libertà è limitata. “Le celebrazioni liturgiche sono vietate e possono aver luogo soltanto in privato. Chi vi partecipa corre grossi rischi. La polizia religiosa saudita, la muttawa, impedisce i culti con retate e arresti”, afferma Suermann. Per molti cristiani l'unica possibilità che rimane è sfruttare l'offerta di culti in streaming in internet. Secondo l'esperto, all'interno della famiglia reale saudita sarebbe in corso una lotta concernente l'orientamento futuro del paese. Da una parte ci sono correnti che propugnano riforme sociali, dall'altra si tenta di stabilizzare la situazione attuale. Al momento è impossibile prevedere se per i cristiani e altre minoranze religiose vi saranno cambiamenti a breve termine. (trad. it. G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)