La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Società civile e sviluppo sostenibile

La HEKS risponde alla consultazione sulla cooperazione svizzera allo sviluppo proponendo una valorizzazione del ruolo della società civile e chiedendo più fondi

in  sviluppo , Svizzera

Società civile e sviluppo sostenibile

(Laurence Villoz) È necessario rafforzare maggiormente la società civile: questa è la risposta che la HEKS, ente di aiuto delle chiese evangeliche in Svizzera, ha formulato relativamente al progetto di cooperazione internazionale della Svizzera 2021-2024, posta per la prima volta in consultazione pubblica.
"Sia in Svizzera che nei paesi partner, la collaborazione con la società civile va iscritta in una prospettiva a lungo termine per favorire un clima di fiducia reciproca. Sono proprio gli attori della società civile che parlano a favore delle persone povere o svantaggiate e rendono più facile per loro ricevere aiuti dalla cooperazione allo sviluppo ", afferma Magaly Henselmann, direttrice della HEKS per la Svizzera francese.

Società civile e sviluppo sostenibile

Cooperazione svizzera
Il 2 maggio il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) hanno messo in consultazione pubblica il progetto di cooperazione internazionale della Svizzera 2021-2024. Gli obiettivi principali sono la creazione di posti di lavoro nei paesi interessati, la lotta ai cambiamenti climatici e alle cause della migrazione forzata, nonché la promozione della pace, dello stato di diritto e della parità di genere.

Società civile e sviluppo sostenibile

Società civile forte
Alla fine di luglio l'HEKS ha pubblicato la sua posizione su questo progetto. Se ne accoglie con favore gli obiettivi, chiede tuttavia che la dicitura "promuovere la pace, lo stato di diritto e la parità di genere" sia integrata nel senso di "sviluppo sostenibile e inclusivo a favore dei diritti civili fondamentali e di un rafforzamento di una società civile diversificata e inclusiva", afferma Henselmann. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono destinati al fallimento senza un forte coinvolgimento della società civile, afferma la HEKS facendo riferimento al recente rapporto pubblicato da ACT Alliance (Action by Churches Together), una ONG che riunisce più di 145 organizzazioni e chiese in tutto il mondo.

"Il rapporto mostra che la riduzione dello spazio per la società civile ha un impatto diretto sul raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite e adottati dalla Svizzera. Lo studio conclude che la riduzione di questo spazio costituisce un freno alla lotta contro le disuguaglianze", spiega la direttrice della branca francofona della HEKS.

Società civile e sviluppo sostenibile

Quadro finanziario insufficiente
Nella sua presa di posizione la HEKS critica anche il quadro finanziario, definendolo "insufficiente". Per il periodo 2021-2024, l'aiuto pubblico allo sviluppo è pari allo 0,45% del prodotto interno lordo (PIL) della Svizzera. Questa cifra è inferiore allo 0,5% fissato dal Parlamento e allo 0,7% raccomandato dalle Nazioni Unite. "Questa scelta finanziaria avrà l'effetto di limitare i progetti che le ONG possono sviluppare con i loro partner locali nei paesi in cui sono attivi. Questo è il motivo per cui chiediamo alla Confederazione di mantenere i suoi impegni e di aumentare la quota assegnata alla cooperazione internazionale allo 0,7% del PIL entro il 2024. A lungo termine, l'obiettivo sarà aumentare questo tasso all'1% come Svezia, Norvegia o Danimarca ", afferma Magaly Henselmann.

Il progetto di cooperazione 2021-2024 della Svizzera è stato messo per la prima volta in consultazione pubblica. I Cantoni, i partiti politici rappresentati nelle Camere federali, i comuni, le città, le organizzazioni ombrello e altre realtà interessate hanno la possibilità di prendere una posizione fino al 23 agosto. All'inizio del 2020, il Consiglio federale dovrebbe adottare il messaggio che presenterà al Parlamento. (da protestinfo; trad. it. G. Courtens)