La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Per un'Europa di pace

Le Chiese protestanti invitano cittadine e cittadini a partecipare alle elezioni europee

in  Europa , protestantesimo

Per un'Europa di pace

L’Europa è uno spazio per la diversità, sostiene la Comunione delle chiese protestanti in Europa (CCPE), che lancia un appello a partecipare alle prossime elezioni europee. Le chiese, per la CCPE, possono dare un contributo importante alla coesione sociale in Europa.

Coesione sociale e culturale
Dal 23 al 26 maggio si terranno le none elezioni dirette del Parlamento europeo. Negli Stati membri dell’Unione europea verranno eletti oltre 700 parlamentari. In un comunicato ai media il Consiglio della Comunione delle chiese protestanti in Europa (CCPE) incoraggia a partecipare a queste elezioni. "Si tratta di un’opportunità per collaborare attivamente a plasmare lo spazio vitale europeo", ha affermato il segretario generale della CCPE Mario Fischer, citato nel comunicato. "In Europa le chiese potrebbero dare un contributo importante alla coesione sociale e culturale in Europa", prosegue Fischer, perché "il mandato delle chiese non si esaurisce ai confini nazionali".

Pace e riconciliazione
Il processo di unificazione europeo è un evento di pace e di riconciliazione dopo le devastanti guerre del 20. secolo, sostiene la CCPE in una presa di posizione pubblicata in contemporanea.

Per un'Europa di pace

Sono molte le sfide che non possono più essere affrontate a livello nazionale. L’Europa è uno spazio per la diversità. La democrazia assicura che le minoranze trovino spazio e ascolto nei dibattiti e nelle decisioni politiche. E dunque le elezioni - afferma la CCPE - possono essere uno strumento per sviluppare ulteriormente la diversità in Europa e allo stesso tempo contribuire a realizzare l’unità e la riconciliazione.

il Presidium della CCPE: Gottfried Locher (sin.), Miriam Rose e John Bradbury

Per un'Europa di pace

La CCPE
La Comunione delle Chiese protestanti in Europa (CCPE) è l’unione di 94 Chiese protestanti europee. Il suo presidente è Gottfried Locher, che presiede anche la Federazione delle Chiese evangeliche in Svizzera. (ref.ch; trad. it. G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)