La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Frenare l'esportazione di armi

Lanciata lo scorso 11 dicembre, l’iniziativa di correzione contro le esportazioni di armi ha già raccolto circa 40'000 firme

in  Svizzera , politica

Frenare l'esportazione di armi

(Paolo Tognina) L'iniziativa di correzione contro le esportazioni di armi verso paesi dove è in corso una guerra civile sta ottenendo un ampio successo. Lanciata due settimane fa dalla Coalizione contro le esportazioni di armi - organizzazione a cui aderiscono anche diversi enti e organismi cristiani -, è una reazione alla posizione del governo federale, favorevole ad allentare le norme relative all'esportazione di materiale bellico svizzero verso Paesi in cui sono in corso conflitti civili.

Meno armi più giustizia
“Le forniture di armi non rendono il mondo più pacifico, più sicuro e nemmeno più giusto”, ha affermato Thomas Wallimann, presidente di Justitia et Pax e copresidente del comitato iniziativista. Questo vale in particolare quando le armi vengono esportate verso regioni in conflitto e paesi in cui è in corso una guerra civile. “Per una delle nazioni più ricche del mondo devono esserci alternative all’esportazione di materiale bellico per garantire posti di lavoro”.

Frenare l'esportazione di armi

La Coalizione aveva minacciato di lanciare l’iniziativa già in precedenza. Il fattore scatenante è stato la decisione, presa a inizio dicembre dal Consiglio degli Stati, di rinviare una mozione del PBD alla Commissione della politica di sicurezza. La mozione chiedeva di trasferire la competenza decisionale in materia di esportazioni di armi dal Consiglio federale al Parlamento.

Dibattito differito
Il PBD aveva presentato la propria mozione dopo che a giugno il Consiglio federale aveva annunciato un allentamento dell’ordinanza sul materiale bellico. Un’ampia coalizione annunciò di conseguenza il lancio di un‘iniziativa se su una piattaforma online 25.000 persone si fossero dichiarate disposte a raccogliere ciascuna quattro firme. La coalizione trovò il consenso auspicato nell’arco di pochissimi giorni.

Frenare l'esportazione di armi

Il Consiglio federale aveva nel frattempo revocato la propria decisione, ma la coalizione aveva insistito affinché la mozione del PBD venisse accolta. “Affinché possano essere evitati futuri allentamenti dell’ordinanza sul materiale bellico è necessario un trasferimento delle competenze decisionali dal Consiglio federale al Parlamento, dotato di una più ampia base democratica”.

Ampia alleanza
Un'eventuale approvazione dell’iniziativa di correzione comporterà l'annullamento della decisione adottata dal Parlamento nel 2004. Allora il Parlamento decise di esportare armi anche verso paesi che si erano resi colpevoli di gravi violazioni dei diritti umani.
Della coalizione fanno parte il Partito socialista, i Verdi, i Verdi liberali, il Partito evangelico e il Partito borghese democratico così come le loro sezioni giovanili. Anche la commissione episcopale Justitia et Pax, l’Aiuto delle Chiese evangeliche svizzere HEKS, Amnesty International, Public Eye, Terre des Hommes e altre organizzazioni sostengono l’iniziativa.