La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Celebrare la diversità

Il Consiglio ecumenico delle chiese punta sulla collaborazione tra i settori laici e religiosi, per dire “sì” alla pace e “no” alla paura dell’altro

in  diritti umani

Celebrare la diversità

(Gaëlle Courtens) Per promuovere la mutua comprensione e cooperazione tra chi crede, chi non crede e chi crede diversamente, rimane centrale l’educazione alla pace. Ne è convinto il Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) che a Ginevra, in occasione dei 70 anni della Dichiarazione universale dei diritti umani il 10 dicembre, organizza insieme al Centro per la promozione dei diritti umani e il dialogo globale un panel su “Educazione alla pace in un mondo multireligioso”, contro l’ignoranza che crea solo paura dell’altro.

Costruire ponti
Scopo del dibattito interreligioso - che vedrà la partecipazione di esponenti cristiani, ebrei, musulmani, hindu ed esperti nel campo dell’educazione alla pace e della difesa dei diritti umani, è quello di offrire - soprattutto alle giovani generazioni - strumenti per costruire ponti. Al centro i concetti di diritto di cittadinanza e di conoscenza reciproca.
Ad aprire i lavori sarà l’ambasciatore Idriss Jazairy, algerino e direttore esecutivo del Centro per la promozione dei diritti umani e il dialogo globale di Ginevra. Seguirà l’intervento del segretario generale del CEC, il pastore luterano Olav Fykse Tveit.

Olav Fykse Tveit

Celebrare la diversità

Promuovere la pace
La Dichiarazione universale dei diritti umani è nata sulle macerie della Seconda Guerra mondiale con l’intento di promuovere la pace mondiale. Tuttavia, a 70 anni dalla proclamazione da parte dell’allora giovanissima Assemblea generale delle Nazioni Unite, la pace mondiale è di nuovo gravemente a rischio. È il parere dell’ambasciatore Jazairy, che in un comunicato del CEC ha affermato: "Siamo esposti a una sorta di movimento a tenaglia tra il populismo da una parte e l'estremismo dall'altra. In tali circostanze, dobbiamo vedere come possiamo disinnescare questa tensione e dare il diritto alla via della pace”.

Celebrare la diversità

Il ruolo della scuola
Per Jazairy, il problema va affrontato già a livello scolastico. L’iniziativa in programma a Ginevra il 10 dicembre vuole essere un tentativo, dice il diplomatico algerino, di “rimuovere nei ragazzi e nelle ragazze quell’ignoranza che crea la paura dell’altro”. Ovviamente, aggiunge Jazairy, vale anche per le persone adulte. “Dobbiamo promuovere la diversità - aggiunge -. Ci sono numerosi punti di incontro tra i valori del mondo secolare e quelli religiosi. Le religioni non vanno viste come la causa di tutti i mali, al contrario, sono l’inizio della soluzione ai problemi, soluzione che va trovata insieme al mondo laico, e che a sua volta deve stare in guardia da derive nazionaliste-identitarie”.