La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Flavie Bettex dichiarata innocente

Multata per avere dato alloggio a un richiedente l'asilo respinto, l'infermiera vodese è stata scagionata da ogni accusa

in  Svizzera , diritti umani

Flavie Bettex dichiarata innocente

(Laurence Villoz) Il tribunale di Montbenon, a Losanna, ha prosciolto la 27.enne Flavie Bettex (nella foto, con l'avvocato Olivier Bigler) multata per avere dato alloggio a un migrante in attesa di espulsione. L'affitto dell'appartamento era regolarmente pagato dall’Établissement vaudois d’accueil des migrants (EVAM), organismo a cui il canton Vaud ha trasmesso il compito di cercare alloggio e seguire i richiedenti l'asilo affidati al cantone. L'udienza del tribunale si è svolta ieri, martedì.

Verdetto di assoluzione
"Il verdetto conferma che ciò che ho fatto è giusto. Sono sollevata, ma è uno scandalo il fatto che succedano queste cose", ha commentato Flavie Bettex, all'uscita dal tribunale. Lo scorso aprile, la giovane donna era stata convocata dalla polizia per avere subaffittato un appartamento a un migrante seguito dall'EVAM. Bettex era stata condannata a pagare una multa di 160 franchi, le spese della procedura (altri 525 franchi) e 20 aliquote giornaliere sospese condizionalmente. "Non ho mai pensato di fare qualcosa di illegale e perciò mi sono rivolta alla giustizia", ha detto Flavie Bettex.
Il verdetto è chiaro: assoluzione dell'accusata e assunzione delle spese della procedura e dell'avvocato da parte dello stato. Il ministero pubblico ha venti giorni di tempo per inoltrare un eventuale ricorso. "È la prima volta che mi capita di occuparmi di un caso del genere", ha detto l'avvocato Olivier Bigler che ha difeso l'infermiera vodese, "e non credo che il ministero pubblico abbia gli elementi per contestare la decisione del tribunale".

Non ho mai pensato di fare qualcosa di illegale e perciò mi sono rivolta alla giustizia

Flavie Bettex dichiarata innocente

Una vicenda paradossale
L'intera vicenda presenta degli aspetti paradossali: da un lato l'EVAM sostiene e accompagna il migrante in attesa di espulsione, dall'altro Flavie Bettex è stata punita per averlo aiutato. Ario [si tratta di un nome fittizio, attribuito al migrante, ndr.] è fuggito dall'Iran dopo essere stato in prigione e avere subito torture per motivi politici. È arrivato in Svizzera nel 2006. Da allora si è battuto per ottenere l'asilo, ma invano. "Non ne posso più. Sono in Svizzera da dodici anni. Ho fatto tutto il possibile per integrarmi", afferma Ario, che parla un buon francese. Ha seguito dei corsi di infermieristica alla Haute école de santé Vaud (HESAV). Nel 2016 è stata anche deposta una petizione in suo favore presso il Granconsiglio del Canton Vaud, ma le autorità hanno dato risposta negativa.

Non ne posso più. Sono in Svizzera da dodici anni. Ho fatto tutto il possibile per integrarmi

Reati di solidarietà
Ario usufruisce attualmente dell'aiuto d'urgenza ed è seguito dall'EVAM. Per ragioni di salute - soffre di crisi d'asma e di stress posttraumatico - non può essere alloggiato in una struttura prevista per i richiedenti in attesa di espulsione. Nel gennaio 2018, la giovane ergoterapeuta gli ha subaffittato un appartamento. L'affitto era quasi interamente pagato dall'EVAM. In precedenza, Ario era stato alloggiato da altre persone.
"Stiamo assistendo a una crescente criminalizzazione della solidarietà", ha commentato, al termine dell'udienza, Cyrielle Huguenot, responsabile di Amnesty International per il settore della migrazione. (da Réformés; trad. e adat. Paolo Tognina)