La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

L'eredità di Nelson Mandela

Il 18 luglio Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni. Sognava una nazione unificata e prospera, ma i problemi che affliggono il Sudafrica oggi ne hanno macchiato l’eredità

in  Africa , politica

L'eredità di Nelson Mandela

(Martina Schwikowski) Nelson Mandela è stato il primo presidente nero del Sudafrica post-apartheid. Combattente per la libertà dallo, trascorse 27 anni in carcere e ciononostante tese le mani in pace a coloro che lo avevano imprigionato.

Bilancio in chiaroscuro
Cinque anni dopo la sua morte, sopraggiunta nel dicembre del 2013, la sua eredità è ancora onnipresente in Sudafrica. Con veglie e giornate nazionali di commemorazione, sia la sua fondazione sia il suo partito, l’African National Congress (ANC), hanno assicurato che così fosse. Eppure l’ANC di oggi è diviso e perde consensi mentre il Sudafrica è in subbuglio per la corruzione e il nepotismo. “Penso che Mandela sarebbe molto preoccupato per il Sudafrica del 2018”, ha detto Jakkie Cilliers, direttore dell’Istituto di studi sulla sicurezza, un think tank attivo in Sudafrica.

Il Sudafrica di Mandela, ieri e oggi (Segni dei Tempi RSI La1)

Stagnazione economica
Durante la sua presidenza, dal 1994 al 1999, Mandela si concentrò sulla riconciliazione e sull’unità di una società divisa dall’odio razziale. Tuttavia non riuscì ad affrontare alcuni dei grandi problemi che affliggevano il paese, come la vasta disparità razziale ed economica che ancora tiene intrappolata nella povertà la grande maggioranza dei sudafricani neri.
Nemmeno il problema della distribuzione della terra è stato risolto. La maggior parte della terra è nelle mani dei bianchi e la questione di come risarcire gli agricoltori è ancora materia spinosa.
Secondo un rapporto 2018 della Banca mondiale, il Sudafrica è attualmente uno dei paesi al mondo in cui la sperequazione è più pronunciata. Oltre la metà del paese vive ancora sotto la soglia di povertà e una ristretta élite controlla la maggior parte delle ricchezze della nazione.
Con un tasso di disoccupazione giovanile superiore al 50%, molti giovani sudafricani sono critici nei confronti dell’eredità di Mandela. “Ma il compito principale di Mandela era evitare una guerra civile tra neri e bianchi”, ha detto Cilliers, "e questo obiettivo lo ha raggiunto".

L'eredità di Nelson Mandela

Fallimenti economici
Mandela invia al mondo “due potenti insegnamenti”, ha affermato Adam Habib, vicerettore dell’università di Witwatersrand, a Johannesburg. “Il primo è che non era un santo. Come leader politico ha ottenuto alcuni grandi successi, ma anche qualche insuccesso non da poco”. Secondo Habib, il punto debole di Mandela è stato fare affidamento su un’agenda economica conservatrice che ancora oggi affligge i sudafricani.
Il ricercatore Jakkie Cilliers ritiene che le difficoltà economiche della nazione si siano inasprite sotto Jacob Zuma, presidente del Sudafrica dal 2009 fino a quando fu costretto a dimettersi a febbraio del 2018. “Zuma ha fatto una grande quantità di danni al Sudafrica durante la sua presidenza”, ha detto Cilliers. In particolare le questioni relative alla coesione nazionale ne hanno risentito enormemente. Oggi il Sudafrica è diviso, è infelice”.

Cyril Ramaphosa

L'eredità di Nelson Mandela

La svolta di Ramaphosa
Cyril Ramaphosa, confidente intimo di Mandela che svolse un ruolo chiave nella redazione della nuova Costituzione progressista del Sudafrica, ha recentemente preso il posto di Zuma. Mentre Mandela si apprestava a lasciare l’incarico sperava che Ramaphosa sarebbe stato il suo successore, ma il posto fu preso da Thabo Mbeki. “Adesso il Sudafrica ha bisogno di affrontare alcuni dei suoi demoni e Ramaphosa - un uomo che viene dall'era Mandela - ha l'opportunità di farlo”, ha detto Cilliers. “Le prospettive sono positive", ha concluso il direttore dell’Istituto di studi sulla sicurezza, "ma ci vorranno diversi anni prima di vedere una svolta”. (dw.com; trad. it G. M. Schmitt; adat. P. Tognina)