La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

La fede e l'aiuto al suicidio

Il pastore evangelico Rolf Sigg ritiene che "bisogna vivere finché si percepisce l'energia vitale, perché la vita è bella”

in  persone , cristianesimo , etica

La fede e l'aiuto al suicidio

(Tilmann Zuber) In qualità di cofondatore di Exit, Rolf Sigg ha cambiato il modo di affrontare la morte in Svizzera. Lo scorso 16 febbraio il pastore e psicologo ha festeggiato il suo 100. compleanno. Per lui fede e aiuto al suicidio non sono in contraddizione.

Un pastore fondatore di Exit
Rolf Sigg siede dritto sulla sua sedia a rotelle, i suoi occhi fissano curiosi la persona che ha di fronte. Ogni tanto un sorriso gli attraversa rapidamente il volto e quando si spazientisce tamburella con le dita sul tavolo. Rolf Sigg non ha acquisito notorietà in quanto pastore evangelico, bensì come esponente di spicco dell'organizzazione di assistenza al suicidio Exit.
Sigg è stato per 14 anni pastore a Sciaffusa, Rüti e Uster prima di ritornare all'università di Zurigo, dove ha studiato psicologia. In seguito ha lavorato, come psicologo scolastico, a Basilea Campagna. Poco prima del pensionamento ha assunto un incarico di pastore a Grenchen. Nel 1949 fondò il centro comunitario di accoglienza di Rüdlingen, nel canton Sciaffusa.

L'Antico Testamento non ingiunge di "non uccidere”? “Perché Dio dovrebbe lasciar continuare a vivere una persona se questa persona non vuole? O se la sua vita è dilaniata da grandi sofferenze?” replica Sigg

Esperienza personale
Per Rolf Sigg aiuto al suicidio e fede non sono mai state in contraddizione. Ciò è dovuto a un'esperienza personale: nel 1972 un suo amico si ammalò di cancro e durante la malattia soffrì terribilmente. “Allora ero impotente”, racconta Rolf Sigg, “eppure volevo risparmiargli quelle sofferenze. Volevo liberarlo”, afferma il centenario.
Un medico diede a Sigg un farmaco. Il malato avrebbe dovuto assumerne una dose doppia, si sarebbe addormentato e non si sarebbe più risvegliato. Rolf Sigg portò il flacone all'amico e i due si dissero addio. Tuttavia il mattino dopo “non c'era la minima traccia di morte”, l'amico era ancora in vita. Il medico suggerì di provare con una iniezione. Ma l'amico si rifiutò. Non voleva che Rolf Sigg venisse incriminato. L'amico dovette soffrire ancora a lungo prima di poter morire.

La fede e l'aiuto al suicidio

Riverito e criticato
Quando l'avvocato zurighese Walter Baechi pubblicò, sull'NZZ, un'inserzione in cui promuoveva la creazione di un'organizzazione per l'assistenza al suicidio, Rolf Sigg - memore dell'esperienza vissuta - si presentò. Fu così che il pastore divenne amministratore di Exit.
"Mi sono impegnato con tutte le mie forze per l'autodeterminazione nei confronti della morte", racconta Sigg. Nel periodo in cui è stato attivo il numero dei membri di Exit è passato da 2.500 a 65.000. Nel 2012, Sigg è stato nominato dalla rivista “Der Beobachter” per il “Prix Courage”.
Il pastore ha accompagnato alla morte circa 500 persone. Definito dai critici “angelo della morte”, è stato osteggiato anche da molti colleghi. “Se foste malati", risponde ai suoi detrattori, "mi giudichereste diversamente”. Ancora oggi Sigg difende la sua missione: “Quel che Exit fa è qualcosa di giusto”, afferma.

Un cambiamento di mentalità
Il dibattito pubblico sull'aiuto al suicidio ha condotto a un cambiamento di mentalità in campo medico, osserva Rolf Sigg. Oggi non si vuole più prolungare la vita a ogni costo e per l'assistenza ai malati più gravi si ricorre alle cure palliative. “Queste un tempo non c'erano”.

Abbracciando la vita e la morte (video Segni dei Tempi RSI La1)

Oggi il centenario vive in una casa per anziani a Glattbrugg, nel canton Zurigo. Da sei anni si muove su una sedia a rotelle. Lo spazio tra la cucina e il letto è generoso e permette a Sigg di attraversarlo con la sua sedia. Sua moglie passa a trovarlo da quattro a sei volte alla settimana. Sigg si fa da mangiare lui stesso.
“Finché si percepisce l'energia vitale bisogna vivere. Perché la vita è bella”, dice il pastore. È meraviglioso poter diventare così vecchi. Di cose da fare ne ha a sufficienza. E ci sono persone affezionate a lui come lui lo è a loro. (da reformiert; trad. it G. M. Schmitt)

Rolf Sigg

La fede e l'aiuto al suicidio