La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Accordo tra anglicani e presbiteriani

Importante passo verso una maggiore unità tra anglicani e presbiteriani con la firma della Dichiarazione di Colombano

Accordo tra anglicani e presbiteriani
(ve/vatiradio) Un passo storico verso una più profonda e autentica unità tra anglicani e presbiteriani. È quanto ha dichiarato l’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Justin Welby (nella foto, accanto a Russell Barr, moderatore della General Assembly della Chiesa di Scozia), dopo l’approvazione all’unanimità, da parte degli oltre 700 deputati del Sinodo presbiteriano, della Dichiarazione di Colombano: l’accordo in base al quale la Chiesa di Scozia e la Chiesa d’Inghilterra si riconoscono reciprocamente come Chiese e si impegnano a proseguire nel cammino dell’unità visibile. Al dibattito che ha preceduto l'approvazione del documento, ha partecipato anche il primate Welby, il primo arcivescovo di Canterbury a presenziare a un’assemblea generale della Chiesa di Scozia.

Un lavoro ultradecennale
Il documento ha richiesto un lavoro ultradecennale. Esso prevede tra l’altro l’accoglienza reciproca dei membri delle due comunità e, in prospettiva, la piena interscambiabilità dei ministri di culto.
La dichiarazione di Colombano, intitolata al monaco irlandese tra i padri del cristianesimo celtico, definisce poi i passi per approfondire i temi che dividono ancora la Church of Scotland e la Chiesa d’Inghilterra, come per esempio l’episcopato, e per rafforzare la collaborazione e la comune testimonianza nella società.

Una più profonda comunione
“Riconoscersi reciprocamente come Chiese è un passo importante dal quale non può che derivare un grandissimo impulso verso una più profonda comunione, non soltanto con la Chiesa di Scozia, ma con le Chiese presbiteriane nel mondo intero”, ha detto nel suo intervento l’arcivescovo di Canterbury. La dichiarazione di Colombano “è un invito a riflettere sulla necessità di superare i confini, sia nazionali sia teologici”, ha la affermato da parte sue la pastora presbiteriana Alison McDonald, presidente, per parte scozzese, della commissione che ha stilato il documento e ha istruito la sua presentazione all’assemblea generale. “Pur essendo la nostra una Chiesa nazionale - ha concluso -  la nostra missione non è limitata al servizio degli scozzesi, ma si inserisce nell’opera di testimonianza resa dai cristiani in ogni parte del mondo”.