La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Basta vendere armi all'Arabia Saudita

Aumentano i morti nello Yemen e la pena per il blogger saudita Raif Badawi è confermata. La Campagna contro il commercio di armi chiede al Regno Unito di non vendere più armi all'Arabia Saudita

Basta vendere armi all'Arabia Saudita
(ve/ekklesia) Badawi è stato condannato a dieci anni di prigione e a 1.000 frustate per il suo blog. Purtroppo si tratta solo del più recente promemoria della brutalità del regime saudita, afferma la Campagna contro il commercio di armi CAAT. Lo scorso marzo è stata introdotta una nuova legge “antiterrorismo” che tratta tutti gli atei e i dissidenti politici come nemici dello Stato e quest'anno le esecuzioni di pene capitali sono raddoppiate.

Ferocia saudita e ipocrisia inglese
Andrew Smith di Campaign Against Arms Trade ha detto: “La situazione dei diritti umani in Arabia Saudita è disastrosa. Il fatto che sia anche il maggior acquirente al mondo di armi britanniche è un segno dell'aautentica ipocrisia alla base della politica estera del Regno Unito. Che diritto ha la Gran Bretagna di parlare di diritti umani e democrazia quando i suoi ministri sostengono apertamente la vendita di armi a un regime che tortura blogger?”
Durante i suoi primi quattro anni il governo di coalizione ha continuato la consolidata politica britannica autorizzando la vendita di armi al regime per un valore di 3,8 miliardi di sterline. Tra le forniture autorizzate, velivoli da combattimento, componenti per bombe, congegni di mira e gas lacrimogeno. Nulla lascia intendere che sotto il nuovo governo cambierà qualcosa.

Londra sostiene la vendita d'armi
Il governo britannico non ha soltanto autorizzato queste vendite, dice CAAT, ma le ha anche incoraggiate. I ministri hanno goduto di una relazione politica intima con i sovrani sauditi e membri della famiglia reale sono stati cooptati per promuovere la vendita di armi. È stato evidente l'anno scorso, quando il principe Carlo ha usato una visita in Arabia Saudita per promuovere la vendita di Eurofighter per la BAE Systems.
“Il governo sta lavorando in stretta collaborazione con imprese di armi come la BAE Systems che stanno approfittando dell'oppressione in corso”, ha detto Andrew Smith.
E ha proseguito: “Con l'intensificazione del giro di vite sul dissenso e con la catastrofe umanitaria scatenata nello Yemen, dobbiamo chiederci: che cosa ci vuole affinché il Regno Unito smetta finalmente di vendere armi a questo terribile regime?”
La situazione umanitaria nello Yemen sta peggiorando. Come in tutte le guerre, i civili soffrono, afferma CAAT, con l'Organizzazione mondiale della sanità che sottolinea che 8,6 milioni di persone hanno “urgente bisogno di assistenza medica”.

LINK E