radioTelevisionefilmlibrieventimiscellaneavacanze
     
dalNumero 6 Giugno 2006
Le chiese e la passione per il calcio
La Evangelische Kirche in Deutschland (EKD) si prepara ad accompagnare le centinaia di migliaia di spettatori e tifosi che in occasione dei Mondiali di calcio affolleranno gli stadi.
(ve/Martin Lehmann) Hans-Georg Ulrichs è pastore a Karlsruhe. Dal gennaio dello scorso anno ha assunto, per conto della Chiesa evangelica in Germania, l’incarico di coordinatore delle attività delle chiese in occasione dei Mondiali di calcio. “Per la chiesa”, dice Ulrichs, “i Mondiali sono un’occasione per raggiungere persone con le quali solitamente è difficile stabilire un contatto“ (il sito dell'EKD dedicato ai Mondiali 2006: http://www.ekd.de/wm/index.html).
Le chiese evangeliche saranno molto presenti, nel corso dei Mondiali. In oltre duemila delle 16’000 comunità evangeliche in Germania le partite saranno trasmesse in diretta, su schermi giganti. La trasmissione delle partite sarà inserita in un programma comunitario che può variare da una chiesa all’altra. “Un riferimento cristiano è indispensabile“, dice Ulrichs, ”anche se si tratta soltanto di una semplice benedizione al termine della serata”.
La trasmissione pubblica delle partite non è che una delle tante proposte di attività che si trovano nel ricco programma allestito dal “pastore dei Mondiali”. L’ufficio di Ulrichs ha preparato un quaderno di 82 pagine che mette a disposizione dei pastori e dei responsabili delle chiese schemi di predicazione, liturgie, schede di animazione per i bambini, serate a tema per gli uomini, incontri dei gruppi femminili e degli anziani, unità didattiche per il catechismo, per i gruppi giovanili e ricette per i gruppi di formazione degli adulti. Insomma, idee e suggerimenti per qualsiasi occasione: tutto intorno al pallone e alla passione per il calcio.
Le chiese hanno reagito positivamente alle sollecitazioni di Ulrichs: tra il 9 giugno e il 9 luglio, dal fischio di avvio della prima partita fino al fischio di chiusura della finalissima, in tutta la Germania non si conteranno le manifestazioni, gli appuntamenti e le proposte delle chiese evangeliche. La domenica di Pentecoste da ogni pulpito si predicherà sul tema dell’entusiasmo che lo Spirito ha infuso nei discepoli - e non si mancherà di paragonarlo alla passione che sta coinvolgendo tutta la Germania in vista dei Mondiali di calcio. Nelle dodici città che ospitano le partite, la chiesa evangelica è presente con attività speciali: a Monaco, il 9 giugno, si celebra un culto ecumenico, diffuso in diretta dalla ZDF e con la partecipazione di personalità del mondo politico, ecclesiastico e sportivo (al presidente della federazione tedesca di calcio è stata affidata una lettura biblica); a Kaiserslautern i volontari e le volontarie dell’immensa macchina organizzativa saranno benedetti nel corso di una cerimonia speciale; a Stoccarda la chiesa ha innalzato una grande tenda nella quale sono previste numerose manifestazioni; ad Amburgo si organizza una festa dei popoli.

L’impegno delle chiese
Le chiese evangeliche non sono le uniche ad avere allestito un calendario di attività in occasione dei Mondiali. Anche la chiesa cattolica si sta preparando (www.kirche-am-ball.de), ma sono soprattutto le chiese evangeliche libere - sempre molto presenti in occasione di eventi sportivi - a non voler rimanere in panchina (www.kickoff2006.de). Hans-Georg Ulrichs tiene a precisare che tra le iniziative dell’EKD e quelle delle chiese libere c’è una differenza: “Noi non condividiamo le strategie missionarie, spesso importate dall’estero, adottate dalle chiese libere. Le persone, allo stadio, vogliono godersi la partita e non intendono partecipare a una manifestazione evangelistica”.

Nella foto, di Gustavo Alàbiso: Hans-Georg Ulrichs

 
Non ci sono ancora commenti
Inserisci il tuo commento per l'articolo:
Le chiese e la passione per il calcio

 
© 2014 voce evangelica
Solutions by Tinext SA